venerdì 6 luglio 2012

E’ la vita a farci diventare poeti? O essere poeti modifica il corso della propria vita?

Guus Kuijer ha frequentato collegi, studiato per diventare insegnante e nel 1975 è entrato, a pieno titolo, nel mondo della letteratura per ragazzi. Autore olandese di fama internazionale ha al suo attivo importanti riconoscimenti che hanno accompagnato la sua carriera di scrittore, per ragazzi e per adulti, il suo lavoro di drammaturgo e autore di testi per la televisione. Nel 2012 viene insignito del prestigioso premio Astrid Lindgren per “la profondità della filosofia e la lievità della poesia” che contraddistinguono sempre i suoi testi. Per sempre insieme. Amen, FeltrinelliKids, è la storia di Polleke (in Olanda e in molti paesi del mondo la ragazzina olandese è protagonista già di diversi libri), della sua vita normale e straordinaria. Polleke ha undici anni, genitori separati, una madre solida e presente, un padre perso in un universo “poetico” che lo porta ai margini della società. Polleke ha un ottimo maestro che piace a tutti, un fidanzato, due nonni molti religiosi, un’amica speciale e una vitellina/mucca che porta il suo nume. Guus Kuijer racconta il quotidiano di una società multietnica, la fragilità dei rapporti umani, l’importanza degli affetti, la religiosità, attraverso una scrittura fresca, mai moralista, lieve e, al contempo, capace di andare in profondità. Il suo romanzo fotografa una realtà possibile, la analizza attraverso gli occhi”innocenti” di Polleke, riesce a parlare di multicultura senza retorica, di sentimenti in modo coinvolgente, di scelte importanti intrecciando ironia, divertimento, invito alla riflessione. Frutto di una sintesi intelligente e acuta dei contenuti narrati la bella copertina di Manuele Fior.

2 commenti:

  1. Speriamo Feltrinelli continui a pubblicare le storie di Polleke. Amen.

    RispondiElimina